Pasticceria, Rosticceria, Gelateria, Bar, tavola calda, Catering, forniture alberghiere, confezioni su richiesta personalizzate e torte con decorazioni varie personalizzabili con i più famosi cartoni animati attuali ed immagini di ogni genere… !

Da anni nel settore, abbiamo raggiunto la fiducia del cliente per la qualita’ e la professionalita’ ci siamo distinti dalle imitazioni.

La Pasticceria, Rosticceria, Gelateria, Bar, tavola calda, LA DOLCERIA e’ anche Catering, forniture alberghiere, e realizziamo confezioni su richiesta personalizzate e sopratutto ottime torte con decorazioni varie personalizzabili con i più famosi cartoni animati attuali ed immagini di ogni genere come foto o forme particolari… !

CASSATA SICILIANA

Un antico proverbio palermitano recita: “”Tintu è cu nun mancia a cassata a matina ri Pasqua” (“Meschino chi non mangia cassata la mattina di Pasqua”). Non deve mai mancare, infatti, dal banchetto della festa. Questa torta, tramandata nei secoli come specialità araba a causa del suo nome, Quas’at, ovvero la casseruola di forma circolare cilindrica e svasata sotto, in un veniva e viene tutt’oggi preparata.

CASSATINE SICILIANE

Questo particolare dolce, con diverse sfumature, presente in tutta la Sicilia, di cui sia a Palermo, che a Catania, che a Sambuca si rivendica la paternità, ha un nome che invece poco spazio offre all’immaginazione (almeno per chi conosce il dialetto siciliano), i “ minni delli virgini” (i seni delle vergini), o a Catania “i minnuzzi di Sant’Ajata” (i seni di Sant’Agata). Ed è ancora più paradossale e particolare che fosse stato inventato all’interno dei monasteri, dalle suore. Dicevo della letteratura siciliana, perchè questo dolce è stato “nobilitato” da Tomasi di Lampedusa nel Gattopardo, che con le sue parole ne esprime perfettamente il senso. Don Fabrizio proprio durante il famoso ballo, vedendo di fronte a sè un vassoio di dolci scelse quelli che: “…si sfaldavano scricchiolando quando la spatola li divideva, sviolinature in maggiore delle amarene candite, timbri aciduli degli ananas gialli, e ‘trionfi della gola’ col verde opaco dei loro pistacchi macinati, impudiche ‘paste delle vergini’ ” e si domandava: “ Come mai il Santo Ufizio, quando lo poteva, non pensò a proibire questi dolci? I trionfi della gola (la gola, peccato mortale!), le mammelle di S. Agata vendute dai monasteri, divorate dai festaioli! Mah”. Ne parla anche il Pitrè raccontando le tradizioni palermitane “In tutto l’anno tenevansi in alta fama le suore del monastero delle Vergini con le impareggiabili loro “sussameli” e, meglio, con certi loro pasticci, il nome de’ quali, “minni d’i Virgini” (mammelle di vergine) si presta ancora oggi ad un bizzarro, e un po’ salace bisticcio”.

 

sfingesangiu bucellati cann cass cassata

CANNOLI

una leggenda narra che la nascita dei cannoli sarebbe avvenuta a Caltanissetta, l’antica “Kalt El Nissa”, “Castello delle donne”, sede di numerosi harem di emiri saraceni. Si ipotizza che le donne, per passare il tempo, si dedicassero alla preparazione di prelibate pietanze ma soprattutto di dolci.

Durante uno dei tanti esperimenti culinari si suppone che abbiano “inventato” il cannolo, ad imitazione di un dolce arabo, simile per forma ad una banana, ripieno di ricotta, mandorle e miele. Un’altra fonte, invece, tramanda che i cannoli siano stati preparati per la prima volta in un convento siciliano vicino a Caltanissetta. Si racconta che, in occasione del Carnevale, le monache “inventarono” un dolce caratterizzato da un involucro (‘a scorcia) preparato con farina, uova, strutto e zucchero, e da una farcia preparata con una crema di ricotta e zucchero ed arricchita con “cucuzzata” di pezzetti di cioccolato e granella di mandorle.

[fb-box link=”https://www.facebook.com/pages/Pasticceria-Coga/362554727091599?fref=ts” width=”650″ height=”600″ borderFB=”yes” variant=”dark” faces=”true” stream=”true”]

Indirizzo

Il nosto indirizzo:

Via Gustavo Roccella, 56 Palermo

GPS:

38.0946503, 13.347679599999992

Telefono:
Contatta il negozio

Lascia una recensione

Prezzo
Ambiente
Staff
Servizi
Cibo
Pubblicazione in corso …
La tua valutazione è stata inviata correttamente
Compila tutti i campi